Lady Gaga colpisce ancora a suon di Jazz

Collaborations, Famous people, Focus on

L’eccentrica, poliedrica ed unica Lady Gaga torna a far sentire la sua voce a suon di Jazz  e lo fa duettando con Tony Bennett (considerato l’ultimo grande crooner americano, ma di origini italiane come la stessa Lady Gaga, dopo la morte di Dean Martin, Frank Sinatra e Perry Como): Anything Goes, cover del classicone jazz di Cole Porter nonché primo singolo dal loro album Cheek To Cheek. L’età di differenza tra i due sembra svanire, lasciando spazio al fascino vintage che ha conquistato la stessa L.G.

“Conosco molto bene tutti i grandi classici americani ma abbiamo pensato che questo pezzo fosse davvero divertentissimo e adoriamo cantarlo insieme. Ha un mood davvero sensuale e potente ed è perché ci scateniamo davvero un sacco quando la cantiamo.”

“Ci sono tipo 60 anni fra me e Tony ma quando cantiamo jazz non c’è nessuna distanza fra noi. Mi chiama ‘Lady’ e quando entro in una stanza lui si alza in piedi così come tutti i suoi amici. Sono davvero cose di altri tempi e spero davvero che possiamo riportare in auge questo sentimento d’amore, di gentilezza e di gioia che sento ogni giorno in cui lavoro con lui.”

L’album “Cheek To Cheek“, trainato dal singolo “Anything Goes” di Cole Porter, uscirà il 23 settembre prossimo. Il disco vanta la presenza anche di jazzisti come Joe Lovano (sax tenore) e il flautista recentemente scomparso Paul Horn. Registrato a New York, la lavorazione dell’album è durata circa un anno, tempo necessario per riunire in studio sia i due artisti principali sia i membri del quartetto di Bennett Mike Renzi, Gray Sargent, Harold Jones e Marshall Wood a cui si è aggiunto il pianista Tom Lanier. Il trombettista jazz Brian Newman, amico e collega di lungo corso di Lady Gaga appare nel disco insieme al suo quintetto jazz di New York.